top of page
foto copertina Tutti al mare per sito.jpg

TUTTI AL MARE

Concorso fotografico 2021 - 2022

TUTTI AL MARE

Concorso fotografico sulle trasformazioni del turismo

lungo le aree costiere italiane

Iniziativa organizzata da

Legambiente e dall'Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani

ESITI DEL CONCORSO

Foto2_Daniele_Buccarella.jpg leggera.jpg

Al concorso sono state candidate 125 foto,

provenienti da tutte le regioni costiere italiane.

La giuria, composta da Margherita Del Piero, Stefano Landi,
Michele Manigrasso, Barbara Pau, Sebastiano Venneri,
ha decretato quanto segue:


 

Per la categoria “Turismi cattivi”

Foto vincitrice

VIETATO SALIRE_ Spiaggia Alimini, Otranto (Lecce). Foto di Daniele Buccarella 2017

Una delle tante facce del Salento è quella triste delle spiagge in inverno, dove il paesaggio naturale è stato trasformato e talvolta violentato dall'uomo mediante installazioni di ogni genere a favore del profitto privato e di un turismo insostenibile. Molto spesso queste installazioni, che dovrebbero essere di carattere temporaneo o al più stagionale, divengono nel tempo delle installazioni fisse in barba ad ogni regolamento locale e nazionale. Si arriva così anche al paradosso per il quale un “corpo estraneo” sembra appropriarsi indebitamente di un’area pubblica del demanio imponendo beffardamente persino dei divieti.

Menzioni d'onore

Foto_1 _Claudia_De_Blasi.jpg leggera.jpg

IL "MOSTRO" CONCERTO_ San Cataldo (Lecce). Foto di Claudia De Blasi 2019
 

Musica e spiaggia paiono formare un binomio perfetto. La domanda da porsi però è quale sia il grado di sostenibilità, se ed eventualmente quali tratti di costa possano essere considerati idonei ad accogliere manifestazioni che ospitano migliaia di persone, quanto valga in termini ambientali la suggestione e l’adrenalina che accompagnano un concerto di grossa portata, sicuramente inconcepibile nelle vicinanze di ambienti protetti, ma quantomeno inopportuno anche altrove.

Valutazioni tutt’altro che semplici per chi organizza, per chi amministra, per chi fruisce.

foto3_sauro_marianelli.jpg leggera.jpg

RICERCA DELL'ORIZZONTE_ San Vincenzo (Livorno). Foto di Sauro Marianelli 2021

Sguardo racchiuso tra cemento, legno e plastica in cerca di spazi aperti.

foto5_Adriano_Nicoletti.jpg leggera.jpg

FINIBUS TERRAE_ Laghi Alimini, Otranto (Lecce). Foto di Adriano Nicoletti 2015

Il Salento senza trucco, nella stagione della quiete svela con chiarezza il rapporto fra natura, intesa come elemento primario e luogo, inteso come risultato dell’elaborazione culturale e strumentale dell’agire umano. Sulla costa, confine fisico ed ideale del “finibus terrae”, il concetto di contaminazione delle due componenti assume un simbolismo pregnante ed intenso.

Finibus terrae indaga un luogo geografico, il Salento e un limite fisico, dove la terra emersa incontra il mare;  dove la scrittura dei luoghi si rarefà e sfuma come appendice di un’urbanizzazione sempre più fagocitante.

foto4_danilo_rosario_pastore.jpg leggera.jpg

SPICCHIO D'ACQUA_ Santa Cesarea Terme (Lecce). Foto di Danilo Rosario Pastore 2020

Ce n'est pas un triangle! Un triangolo isoscele con la punta tagliata che diventa un trapezio non sarà mai più un rettangolo. Un breve viaggio surreale tra la voglia di natura e la volontà di dominare gli eventi; inibire la forza del vento privandola del suo ruolo di modellatrice delle rocce millenarie per assicurarsi una lastra d’acqua ferma.

foto2_roberto_serra.jpg leggera.jpg

SPIAGGE ATTRISTATE 2_ Roseto degli Abruzzi (Teramo). Foto di Roberto Serra 2015
 

Roseto degli Abruzzi, primavera del 2015, la stagione turistica non è ancora iniziata, restano gli scheletri della precedente, neanche d’inverno il mare riposa.

Ad abbruttire ulteriormente il litorale sono presenti alcuni tubi su cui una ragazza mira l’orizzonte, non si sa se triste o sognante.

Adriano_Zanni_tutti_al_mare-05.jpg leggera.jpg

BALENE E FANTASMI_ Cesenatico (Forlì-Cesena). Foto di Adriano Zanni 2022
 

Scatto tratto dal mio  progetto  in corso di svolgimento “Lungo Mare”: Orrori architettonici e scempi estetici, cementificazione selvaggia, abusi edilizi, ecomostri e scheletri abbandonati, parchi tematici, hotel in disuso, stabilimenti balneari e selvaggia occupazione del territorio. Lungo mare racconta visivamente l'evoluzione del paesaggio costiero e balneare sulla riviera romagnola dagli anni del boom economico ai giorni nostri. I resti odierni della "Metropoli Balneare". 

Il parco giochi acquatico “Atlantica” di Cesenatico attivo dagli anni 80, situato a ridosso della spiaggia di Cesenatico Ponente e di fronte alla cui spiaggia giacciono innumerevoli ex Colonie estive per bambini in stato di totale abbandono e degrado.

Per la categoria “Turismi buoni”

Foto vincitrice

foto2_Nicolò_Viozzi.jpg leggera.jpg

VAMOS A LA PLAYA_ Porto S.Elpidio (Fermo). Foto di Nicolò Viozzi 2022

l titolo della foto gioca con il nome dello stabilimento “La Playa de Cococciò” situato su una piccola scogliera che si affaccia sul mare. Essendo isolato rispetto al resto degli stabilimenti balneari ed immerso in quella che è la fascia dunale più estesa del paese, durante gli eventi organizzati è possibile godere e riscoprire il paesaggio circostante.

Menzioni d'onore

FOCE FIUME CHIDRO_ San Pietro in Bevagna (Taranto). Foto di Raffaele Ferrari 2021

FOCE FIUME CHIDRO. San Pietro in Bevagna (Taranto). Foto di Raffaele Ferrari 2021
 

Foto della foce foce de fiume Chidro che nasce tra il fiume Borraco e Torre Colimena. È un corso d'acqua lungo circa 10 km che scorre sottoterra, fino ad una sorgente conosciuta come cratere, che si trova immersa in una riserva naturale. Da lì, il fiume di acqua freschissima e limpidissima, corre per un tratto di poco più di 500 metri e arriva fino al mare, nei pressi della spiaggia di San Pietro in Bevagna. Prima di gettarsi in mare, il Chidro forma tre laghetti meravigliosi.

Foto 5__Mauro_Fontana.jpg leggera.jpg

VISIONI_ Scala dei Turchi, Realmonte (Agrigento). Foto di Mauro Fontana 2017
 

A volte, l'inaspettato ha la capacità di aumentare il senso dei luoghi. Come un ragazzino che a piedi scalzi attraversa bellezza e fragilità.

Questa foto è stata scattata nel 2017, prima che si vietasse l'accesso alla Scala dei Turchi.

Foto2_massimiliano_rolando.jpg leggera.jpg

SAPORE DI MARE_ Marsala (Trapani). Foto di Massimiliano Rolando 2021
 

Salato come il mare, come il sudore, come le lacrime: il candore, la bellezza, la fatica  nella incomparabile suggestione dello Stagnone di Marsala, tra i mulini a vento testimoni dell' antica lavorazione del sale in attesa  dello spettacolo di un indimenticabile  ed unico tramonto.

foto2_claudio_zanirato.jpg leggera.jpg

NATURALITÀ_ Rivaverde (Ravenna). Foto di Claudio Zanirato 2018
 

Anche nei tratti di più intenso sfruttamento balneare, comunque, si possono scorgere aree superstiti, terreni abbandonati, zone naturali protette o luoghi “rinaturalizzati”, insomma delle “pause” nel paesaggio della continuità, da cui riemerge un rapporto perduto con il mare. Quello che appare a prima vista una “marginalità” si scopre anche una risorsa, in quanto alternativa a tanta omologazione che ha reso perfettamente abitabile ed antropizzato un paesaggio, quello costiero, fino a prima del tutto naturale e disabitato. Prende così corpo un ritorno alle origini, quando i primi nuclei balneari ricercavano e decantavano la presunta “naturalità” della loro proposta, in una visione cosciente di paesaggio.

ALTRE FOTO MERITEVOLI DI PUBBLICAZIONE_ Ambito "Turismi cattivi"

IL MARE ALLE SPALLE_
press to zoom
VEDUTA MARE_
press to zoom
MURAZIONI_
press to zoom
PROSPETTIVA SILOS PERLITE_
press to zoom
APOLLO E IL MARE_
press to zoom
IL VASCELLO D'ORO_
press to zoom
GLI ANNI DELLA TIGRE_
press to zoom
RAZIONALISMO E BARBARIE_
press to zoom
SCHELETRI SUL MARE_
press to zoom
LA ROCCIA CI PROTEGGA_
press to zoom
SOTTO IL LIVELLO DELL'ACQUA, SOPRA IL LIVELLO DI TERRA_
press to zoom
SPIAGGE ATTRISTATE 1_
press to zoom
SPIAGGE ATTRISTATE 3_
press to zoom
SPIAGGE ATTRISTATE 4_
press to zoom
ONDE ABUSIVE_
press to zoom
CASTELLO DISINCANTATO_
press to zoom
CHIUSO PER FERIE_
press to zoom
MARE INCATENATO_
press to zoom
DESOLAZIONE_
press to zoom
BARACCOPOLI_
press to zoom
PARCHEGGIO_
press to zoom
L'INVERNO_
press to zoom
ABBANDONO_
press to zoom
SENZA TITOLO_
press to zoom
CARBONI ATTIVI_
press to zoom
LA BAIA_
press to zoom
FINIBUS TERRAE_
press to zoom
FINIBUS TERRAE_
press to zoom
FINIBUS TERRAE_
press to zoom
FINIBUS TERRAE_
press to zoom
ROVINE_
press to zoom
THE CUBE_
press to zoom
IL MOSTRO_
press to zoom
LA PARTE BUIA DEL RAPPORTO TRA UOMO E MARE
press to zoom
LA SPIAGGIA FANTASMA_
press to zoom
MAXI SCHERMO_
press to zoom
FOLLIA DELLA FOLLA_
press to zoom
BAD FRAME_
press to zoom
L'IMPATTO_
press to zoom
VUOTO VISTA MARE_
press to zoom
1/1

ALTRE FOTO MERITEVOLI DI PUBBLICAZIONE_ Ambito "Turismi buoni"

LE VASCHETTE_
press to zoom
IL FORTULLINO VISTA MARE_
press to zoom
SOTTO LA GAIOLA_
press to zoom
IL CAVALIERE_
press to zoom
COME UNA VOLTA_
press to zoom
DENTRO LA CITTÀ DI MARE_
press to zoom
IL TEMPIO_
press to zoom
I QUATTRO ELEMENTI_
press to zoom
CAPANNA_
press to zoom
IL LIDO_
press to zoom
L'IMMENSO_
press to zoom
COME UN TRENO CON I REMI_
press to zoom
1/1

Le foto finaliste sono state esposte nella mostra BETWEEN LAND AND SEA interna al programma della seconda edizione della Conferenza Internazionale COSTE IN MOVIMENTO, presso la sede dell'Aurum di Pescara, nelle giornate del 6-7 Ottobre 2022, e per tutto il mese di Ottobre presso il Dipartimento di Architettura di Pescara.

Between land and sea
Between land and sea

press to zoom
Between land and sea
Between land and sea

press to zoom
Between land and sea
Between land and sea

press to zoom
Between land and sea
Between land and sea

press to zoom
1/25

La giuria

banner giuria tutti al mare.jpg

Media partner

logo seascape celestino per sito opci.jpg
La-nuova-ecologia-2017.png
mondo-balneare-logo chiaro.jpg
logo ArtApp- in celeste per sito opci.jpg
bottom of page