6_1.jpg

EROSIONI

concorso di fotografia 2020/2021

Foto di copertina_ Urban Seascape, di Dario Barbani

A Luglio 2020, Legambiente e l'Osservatorio hanno lanciato un concorso fotografico sul tema dell’erosione costiera, fenomeno che contraddistingue da sempre i litorali, e che nei prossimi anni diventerà ancora più urgente e importante, da studiare e comprendere nelle sue dinamiche: per i cambiamenti climatici che già caratterizzano il Mediterraneo e sempre più lo influenzeranno con l’innalzamento del livello dei mari e gli impatti di fenomeni meteorologici sempre più rilevanti.

Il Concorso vuole contribuire ad accendere i riflettori sui processi in corso lungo le coste - tra spiagge, sistemi rocciosi, aree infrastrutturate e urbane - per comprendere le dinamiche di cambiamento e gli interventi realizzati per la difesa della costa, le trasformazioni che hanno interessato manufatti, porti e paesaggi naturali.

 

In giuria: Alex Giuzio_ giornalista - Michele Manigrasso_ architetto - Enzo Pranzini_ geologo - Luca Tamagnini_ fotografo - Alessandra Viola_ giornalista.

Sono state registrate 72 candidature, per un totale di 315 foto  provenienti da tutte le regioni costiere italiane. 

Il 29 marzo 2021 si sono conclusi i lavori della giuria. [leggi il verbale e la graduatoria]

La mostra verrà allestita presso l'Ex Convento dei teatini, a Lecce, dal 15 Luglio 2021.

Di seguito, tutte le foto finaliste.

ESPOSIZIONE DELLE FOTO FINALISTE E PREMIATE

Resilienza
Resilienza

Torre dell'Orso, Lecce 2015. Foto di Daniele Buccarella.

press to zoom
1/1

Daniele Buccarella_ Resilienza. Torre dell’Orso, Lecce 2015_ Foto vincitrice

Il Salento, nell’immaginario collettivo, è sinonimo di mare, estate, vacanza. Il legame dei salentini con il mare travalica però l’aspetto godereccio delle vacanze estive perché il mare da queste parti si vive tutto l’anno e lo si va a trovare sempre, anche d’inverno. Nel corso degli anni però, il mare sta diventando anche una minaccia del territorio, divorando chilometri di coste spesso violentate dall’azione dell’uomo in nome di un turismo di massa non compatibile con la salvaguardia dell’ambiente. Gran parte dei maestosi complessi dunali sono gravemente compromessi e, con loro, anche la vegetazione autoctona che popola le dune, divenendo in alcuni casi, vero e proprio esempio di resilienza.

Happy Family
Happy Family

Torre dell’Orso, Lecce 2015. Foto di Daniele Buccarella. Il Salento, nell’immaginario collettivo, è sinonimo di mare, estate, vacanza. Il legame dei salentini con il mare travalica però l’aspetto godereccio delle vacanze estive e affonda le sue radici nella notte dei tempi. Il mare, qui, è parte di noi.

press to zoom
Pericolo di crollo
Pericolo di crollo

Marina di Melendugno, Lecce 2015. Foto di Daniele Buccarella. Davanti all’inesorabile e accelerato fenomeno dell’erosione costiera, spesso le istituzioni locali sono impotenti nel fronteggiare fenomeni pervasivi, per i quali necessiterebbero interventi più strutturati ed enormi risorse economiche. I loro provvedimenti si limitano spesso a poche e inefficaci azioni di contenimento, volte a salvaguardare prevalentemente la sicurezza delle persone più che la sopravvivenza delle coste.

press to zoom
Punto di non ritorno
Punto di non ritorno

Roca Vecchia, Lecce 2015. Foto di Daniele Buccarella. Il risultato di questa pochezza è sotto gli occhi di tutti. Intere falesie che crollano inesorabilmente, proprio su quella spiaggia dove l’anno precedente magari abbiamo piantato l’ombrellone o abbiamo fatto una passeggiata con la nostra famiglia in riva al mare.

press to zoom
Help!
Help!

Porto Cesareo, Lecce 2020. Foto di Daniele Buccarella. Lo sbancamento delle dune ad opera dello scellerato abusivismo costiero, diffusosi negli anni ’70 e ’80 lungo gran parte delle aree costiere del nostro Paese, ha contribuito nel tempo a “consumare” letteralmente gli arenili, con l’effetto di far sprofondare le villette più “esclusive” in acqua. A Porto Cesareo, il murales su una di queste abitazioni quasi inghiottite dal mare, sembra alludere ad un’ultima e disperata richiesta di aiuto.

press to zoom
1/1

Altre foto candidate dall'autore

La strada
La strada

Marina di Montemarciano, Ancona 2020. Foto di Simone Porretti.

press to zoom
1/1

Simone Porretti_ La strada. Marina di Montemarciano, Ancona 2020_ Foto vincitrice

Le prime luci dell’alba rivelano la storia di un’intera notte di tempesta: una strada, le sue case costruite in uno spazio rubato alla natura. Ora il mare cerca in tutti i modi di riappropriarsi di ciò che gli appartiene.

La Torretta
La Torretta

Pontesasso, Pesaro-Urbino 2020. Foto di Simone Porretti. Dove fino a poche settimane prima c’erano ombrelloni, lettini e famiglie al sole, ora è solo acqua e sale; rimane solo la torretta vuota del bagnino a ricordare le spensierate giornate dei vacanzieri estivi.

press to zoom
Barriere
Barriere

Marotta, Pesaro-Urbino 2020. Foto di Simone Porretti. Un piccolo bar sulla spiaggia, in una notte di mare in tempesta; la lotta tra le barriere di cemento messe a proteggerlo e le onde che si infrangono senza sosta; la strana nebbia salmastra tra le assi marcie del locale allontana i ricordi di spensierate serate estive.

press to zoom
1/1

Altre foto candidate dall'autore

PROGETTI MENZIONATI

Erosioni umane
Erosioni umane

I pontili dei muscolai, Marina del Canaletto, La Spezia 2020. Foto di Roberto Celi. L’essere umano fa il possibile per contenere erosioni naturali. Poi, dove la natura non erode, ci pensa lui.

press to zoom
1/1

Roberto Celi_ Erosioni umane. I pontili dei muscolai, Marina del Canaletto, La Spezia 2020

Nuovi approdi
Nuovi approdi

I pontili dei muscolai, Marina del Canaletto, La Spezia 2020. Foto di Roberto Celi. A breve questa marina e questo pontile saranno sepolti sotto il cemento per dare spazio a nuove aree portuali.

press to zoom
Il mare dentro
Il mare dentro

I pontili dei muscolai, Marina del Canaletto, La Spezia 2020. Foto di Roberto Celi. Il mare rimarrà dentro alle persone che qui lo hanno vissuto.

press to zoom
Vecchi filari
Vecchi filari

I pontili dei muscolai, Marina del Canaletto, La Spezia 2020. Foto di Roberto Celi. Le vecchie cime che reggevano i filari di reste piene di ‘muscoli’ saranno distrutte.

press to zoom
Ultima passerella
Ultima passerella

I pontili dei muscolai, Marina del Canaletto, La Spezia 2020. Foto di Roberto Celi. Ancora pochi passi, pochi mesi, poi tutto questo sarà solo un ricordo.

press to zoom
1/1
Sacchi anti erosione
Sacchi anti erosione

Lignano Sabbiadoro, Udine 2020. Foto di Margherita Del Piero. Questa foto ritrae una fila di sacchi, suppongo di sabbia, posizionati in prossimità della Terrazza a mare di Lignano Sabbiadoro, al fine di proteggere la spiaggia e il paese dalle importanti mareggiate invernali. Non ho ricordi di queste barriere quando ero una ragazzina. Le ho notate in questi ultimi anni. Le azioni dell’uomo hanno fatto sì che si debba ricorrere a questi sistemi come azioni riparatorie.

press to zoom
1/1

Margherita Del Piero_ Sacchi anti erosione. Lignano Sabbiadoro, Udine 2020

Barriera anti erosione
Barriera anti erosione

Bibione, Venezia 2020. Foto di Margherita del Piero. Da alcuni anni la spiaggia di Bibione sta subendo un’erosione costante. L’uomo sta cercando di contrastare questo fenomeno con sistemi di questo tipo.

press to zoom
Resilienza
Resilienza

Bibione, Venezia 2020. Foto di Margherita del Piero. Questa foto ritrae un dettaglio di barriera anti erosione, residuo delle barriere installate ai fini di mitigare l’effetto dell’erosione del mare lungo la costa adriatica. Rispetto a 20 anni fa, la spiaggia si è visibilmente ridotta e l’ecosistema ne sta subendo le conseguenze.

press to zoom
Difesa costiera
Difesa costiera

Bibione, Venezia 2020. Foto di Margherita del Piero. Queste barriere sono state installate molto tempo fa, per scongiurare la continua erosione del mare Adriatico. In particolare, quando soffia il vento di scirocco e il mare è mosso, l’acqua avanza addirittura fino alla zona dunale, allagandola e compromettendo anche i pini marittimi che si trovano in prossimità.

press to zoom
Inondazione
Inondazione

Bibione, Venezia 2020. Foto di Margherita del Piero. Lo scenario dei cambiamenti climatici e dell’innalzamento delle acque è molto preoccupante. E’ importante definire una strategia comune che riguardi e tuteli tutte le nostre spiagge italiane.

press to zoom
1/1
La barriera di contatto
La barriera di contatto

Zona Sassonia – Fano, Pesaro Urbino 2020. Foto di Fulvio Ferrero. L’erosione costiera è un fenomeno che si manifesta al confine tra visibile e sommerso, tra conscio e inconscio.

press to zoom
1/1

Fulvio Ferrero_ La barriera di contatto. Zona Sassonia – Fano, Pesaro Urbino 2020

Il muro
Il muro

Zona Torrente Arzilla – Fano, Pesaro e Urbino 2020. Foto di Fulvio Ferrero. L’erosione costiera è un fenomeno che si manifesta al confine incerto.

press to zoom
I resti
I resti

Zona Torrente Arzilla – Fano, Pesaro e Urbino 2020. Foto di Fulvio Ferrero. L’erosione costiera è un fenomeno che si manifesta al confine urbano e rurale.

press to zoom
La trincea
La trincea

Zona Sassonia- Fano, Pesaro e Urbino 2020. Foto di Fulvio Ferrero. La fotografia mette in primo piano una trincea costruita dall’uomo per difendersi dall’erosione della costa. Tale baluardo è il simbolo della guerra di posizione, il cui presupposto è poter difendere a lungo territori molto estesi ma, allo stesso tempo, è un’immagine che ricorda fatti terribili e sanguinosi.

press to zoom
Il limite
Il limite

Località Metaurilia - Fano, Pesaro e Urbino 2020. Foto di Fulvio Ferrero. L’immagine inquadra un treno che passa a velocità sostenuta e in sicurezza, perché la ferrovia è protetta dalla scogliera che arriva al limite con i binari. La recinzione protegge il passaggio del treno e difende il confine. Si percepisce una minaccia e, in prima battuta, si pensa al mare che lambisce il viaggio e aspetta il momento più propizio per ostacolarlo.

press to zoom
1/1
Balera sul mare
Balera sul mare

Lungomare di Bovalino, Reggio Calabria 2020. Foto di Giovanni Leuzzi. La pavimentazione di un ex stabilimento balneare è quello che rimane dell’ennesima mareggiata che ha colpito il lungomare di Bovalino nel 2019. Il mare si riprende con forza ciò che gli è stato tolto dall’uomo.

press to zoom
1/1

Giovanni Leuzzi_ Balera sul mare. Lungomare di Bovalino, Reggio Calabria 2020

Gutta Cavat Lapidem. Il Pontile di pietra
Gutta Cavat Lapidem. Il Pontile di pietra

Lungomare di Bovalino, Reggio Calabria 2020. Foto di Giovanni Leuzzi. Il mio progetto fotografico vede come protagonista il Lungomare di Bovalino Marina, devastato da una violenta mareggiata nel Febbraio 2019. Il pontile in pietra, ossia la foto in questione, ritrae l’unica via per il mare per la Guardia Costiera di zona. La crepa sulla struttura raffigura l’azione erosiva del mare e il suo relativo stato di abbandono.

press to zoom
Gutta Cavat Lapidem. Rovine
Gutta Cavat Lapidem. Rovine

Lungomare di Bovalino, Reggio Calabria 2020. Foto di Giovanni Leuzzi. I cumuli di macerie, causati dalla mareggiata, giacciono indisturbati sulla spiaggia, fondendosi tutt’uno con la sabbia.

press to zoom
Gutta Cavat Lapidem. Le scale di un lido
Gutta Cavat Lapidem. Le scale di un lido

Lungomare di Bovalino, Reggio Calabria 2020. Foto di Giovanni Leuzzi. Dettaglio di macerie: balaustre e piani di discesa verso il mare sono ammassate da più di un anno sulla spiaggia.

press to zoom
La Rocchetta
La Rocchetta

Lungomare di Bovalino, Reggio Calabria 2020. Foto di Giovanni Leuzzi. La Rocchetta era uno storico lido della Locride, situato sulla Costa dei Gelsomini. Lo stabilimento è stato sempre vittima di mareggiate, sino all’ultima, avvenuta nel 2019. La forza del mare ha distrutto le pareti e ne ha devastato le fondamenta.

press to zoom
1/1
Sinfonia Silenziosa
Sinfonia Silenziosa

Laguna Veneta 2020. Foto di Paolo Paccagnella. I confini fra acque e terra sfumano, fondendosi con il cielo. Si fatica a distinguere all’orizzonte quelli che sono fiumi, canali, valli, barene e lagune nei rispettivi limiti. L’attività umana convive con le linee slanciate degli aironi e dei cormorani, in questa terra che sorge perennemente sul filo dell’acqua, dove una parte del degrado deriva dall’erosione sistematica da parte di agenti naturali e non, dei fondali e dei margini delle barene.

press to zoom
1/1

Paolo Paccagnella_ Sinfonia Silenziosa. Laguna Veneta 2020

Delirio
Delirio

Porto Marghera, Venezia 2019. Foto di Paolo Paccagnella. Marghera si è sviluppata senza alcun riguardo per l’ambiente. Il suo sviluppo ha inflitto costi ambientali pesanti che sono destinati a venire al pettine tutti in una volta, con effetti ancor oggi non prevedibili per il futuro.

press to zoom
Tra lune e maree
Tra lune e maree

Laguna Veneta 2020. Foto di Paolo Paccagnella. Una parte importante del degrado della laguna deriva dall’erosione sistematica, da parte di agenti naturali e non, dei fondali e dei margini delle barene, quei terreni lagunari che sono periodicamente sommersi durante le alte maree. Le grandi navi, la pesca condotta con metodi “distruttivi” del fondo e il moto ondoso generato dalle imbarcazioni con velocità eccessive, favoriscono l’erosione dei fondali e dei margini delle barene.

press to zoom
Tempus Fugit
Tempus Fugit

Vasto, Chieti 2019. Foto di Paolo Paccagnella. Gran parte delle diverse forme che la costa assume è il risultato dei processi di erosione che portano all'arretramento della linea di costa. Questo andamento è agevolato da comportamenti di utilizzo del territorio in modo sconsiderato, prelevando sabbia dalle dune, costruendo sugli argini dei canali naturali edifici e strade, od ostacolando il deflusso delle acque, cui consegue un mancato apporto di sedimenti che alimentano la fascia costiera.

press to zoom
L'Osservatorio
L'Osservatorio

Delta del Po, Rovigo 2020. Foto di Paolo Paccagnella. (Utopia) L'Osservatorio è una torre situata nel mare, senza recinzioni o gabbie e offre una vista totale sulla costa, con tutti i suoi colori e tonalità e le spettacolari creature che vivono intorno ad essa. La torre è composta da due sale espositive affondate a una profondità di 6 metri sotto il livello del mare; attraverso le sue finestre giganti puoi vedere la straordinaria bellezza della foce in tutto il suo splendore naturale.

press to zoom
1/1
km 9 | La Playa
km 9 | La Playa

SS195 Tangĕre 2020. Foto di Barbara Pau. Linee di confine e linee di erosione. La Playa è il nome storico della striscia di sabbia lunga oltre 10 Km, che separa il sistema lagunare di Santa Gilla dal Mar Mediterraneo. Questo Istmo, già utilizzato come strada di collegamento in epoca romana, oggi identificabile quasi totalmente con la SS195, appare come paesaggio-palinsesto complesso. Una lingua di sabbia in cui i fenomeni di erosione naturale e antropica si giustappongono, agiscono insieme.

press to zoom
1/1

Barbara Pau_ km 9 | La Playa. SS195 Tangĕre 2020

Km 13 | La Playa
Km 13 | La Playa

SS195 Frangĕre 2020. Foto di Barbara Pau. Le barriere frangiflutti della lottizzazione di Frutti d’Oro, introdotte nel 2016, dopo i fenomeni alluvionali e le forti mareggiate del 2008, a protezione delle abitazioni ormai sul mare.

press to zoom
Km 10 | La Playa
Km 10 | La Playa

SS195 Litus finitimum 2020. Foto di Barbara Pau. Litus finitimum è il nome latino de La Playa. La lunga lingua di sabbia / asfalto che divide le acque di laguna da quelle marine.

press to zoom
km 8 | La Playa
km 8 | La Playa

SS195 Striae 2020 Foto di Barbara Pau. I solchi temporanei della ridefinizione degli argini lungo le peschiere nel sistema di interscambio laguna/mare.

press to zoom
km 7 | La Playa
km 7 | La Playa

SS195 Limes 2020 Foto di Barbara Pau. Bassa marea. Operazioni umane e operazioni naturali di protezione dell’Istmo. La posidonia sedimentata svolge un'azione protettiva del litorale sabbioso.

press to zoom
1/1
Contrasti
Contrasti

Lavagna, Genova 2019. Foto di Cristiano Pugno. Le foto rappresentano la costa del Comune di Lavagna (GE), mentre la disastrosa mareggiata del 2019 stava placandosi… evento meteomarino di portata epocale, durante il quale i morosi hanno raggiunto un’altezza mai vista nel Mediterraneo. La prospettiva dal drone consente di capire quale sia l'impatto delle onde sulla battigia e di rendersi conto che l'unico ostacolo al mare è la massicciata della linea ferroviaria.

press to zoom
1/1

Cristiano Pugno_ Contrasti. Lavagna, Genova 2019

Potenza
Potenza

Lavagna, Genova 2019. Foto di Cristiano Pugno. Inutile cercare di contrastare con ripascimenti artificali l'erosione di certe coste... si è costretti a ripetere tutti gli anni la stessa cosa.

press to zoom
Arroganza
Arroganza

Lavagna, Genova 2019. Foto di Cristiano Pugno. Costruire dove c'è il mare è il simbolo dell'arroganza umana.

press to zoom
Bastioni
Bastioni

Lavagna, Genova 2019. Foto di Cristiano Pugno. Antichi bastioni di pietra per difendersi dal mare, solo il lavoro costante dell'uomo può combattere il lavorio eterno del mare.

press to zoom
Scogli
Scogli

Anche le pietre più ciclopiche non possono dividere le acque del mare

press to zoom
1/1
Ecomostri che erodono
Ecomostri che erodono

Trapani 2015. Foto di Roberto Serra. I litorali italiani sono spesso rovinati da strutture che erodono le fragili coste e abbruttiscono paesaggi millenari.

press to zoom
1/1

Roberto Serra_ Ecomostri che erodono. Trapani 2015

Industrie abbandonate
Industrie abbandonate

Ex Cave di Pomice, Isola di Lipari, Messina 2010. Foto di Roberto Serra. Fino a qualche decennio fa, era normale erodere i litorali per estrarre materiale, in questo caso il pomice. Ora, a testimonianza, è rimasta la struttura dell’ex-stabilimento.

press to zoom
Erosioni portuali
Erosioni portuali

Porto Torres 2018. Foto di Roberto Serra. L’espansione dei porti commerciali o turistici portano all’erosione delle coste.

press to zoom
Erosioni industriali
Erosioni industriali

Livorno 2017. Foto di Roberto Serra. Le aree industriali limitrofe ai porti occupano sempre più ampi spazi delle coste, e una volta dismesse, non torneranno più alla natura.

press to zoom
La costa sommersa
La costa sommersa

Genova 2018. Foto di Roberto Serra. La costa di Genova è completamente e densamente antropizzata, per scopi abitativi, industriali e turistici. Della costa naturale è rimasto solo il ricordo.

press to zoom
1/1
L'ultima spiaggia
L'ultima spiaggia

Lungomare sud Porto S. Elpidio, Fermo 2020. Foto di Nicolò Viozzi. Lo scatto mostra una delle tante problematiche che i gestori di stabilimenti balneari, lungo la costa elpidiense, sono costretti ad affrontare: l’erosione costiera. Dopo diversi tentativi (fallimentari) da parte dell’amministrazione, una delle soluzioni adottate dai ristoratori è stata quella di rafforzare le fondamenta degli stabilimenti, e di ricreare una “barriera di sicurezza”.

press to zoom
1/1

Nicolò Viozzi_ L'ultima spiaggia. Lungomare sud Porto S. Elpidio, Fermo 2020

Stratificazione
Stratificazione

Lungomare sud Porto S. Elpidio, Fermo 2020. Foto di Nicolò Viozzi. Lo scatto mostra la condizione del litorale elpidiense lungo la costa adriatica, che vede un sottile lembo di spiaggia separare da un lato il mare e dall’altro la porzione di costa occupata dagli stabilimenti balneari.

press to zoom
Sarà per l'anno prossimo
Sarà per l'anno prossimo

Lungomare sud Porto S. Elpidio, Fermo 2020. Foto di Nicolò Viozzi. L’immagine è una metafora che vuole evidenziare da una parte l’impossibilità di accedere alle coste elpidiensi e dall’altra, in senso più ampio, la condizione in cui versano le attività ristorative e turistiche in questo 2020.

press to zoom
Accesso negato
Accesso negato

Lungomare sud Porto S. Elpidio, Fermo 2020. Foto di Nicolò Viozzi. L’immagine vuole raffigurare da un lato l’impossibilità della fruizione del bagnasciuga, come indicato dal cartello, ma dall’altro permette la creazione di un nuovo punto di vista, con questa terrazza che si affaccia sul mare.

press to zoom
Trincea
Trincea

Lungomare sud Porto S. Elpidio, Fermo 2020. Foto di Nicolò Viozzi. Lo scatto vuole creare una similitudine tra la desolazione causata dalla guerra e quella scaturita dall’impeto del mare, che costringe gli stabilimenti balneari ad arretrare il più possibile per difendersi dall’attacco della natura.

press to zoom
1/1
Scatto 5
Scatto 5

Lido Adriano, Ravenna 2018. Foto di Adriano Zanni. Le dune artificiali di sabbia costruite in inverno a protezione del litorale e delle sue infrastrutture turistiche, ultima fragile barriera contro il costante fenomeno erosivo che colpisce le coste ravennati.

press to zoom
1/1

Adriano Zanni_ Scatto 5. Lido Adriano, Ravenna 2018

Scatto 1
Scatto 1

Milano Marittima, Ravenna 2015. Foto di Adriano Zanni. I danni causati da una grossa mareggiata che colpì la costa romagnola nel febbraio del 2015... quel che resta di un capanno per ricovero attrezzature di uno stabilimento balneare nei pressi dei resti della ex colonia Vaerse, meraviglioso esempio di architettura razionalista del periodo bellico, che oggi versa in stato di totale abbandono.

press to zoom
Scatto 2
Scatto 2

Marina Romea, Ravenna 2008. Foto di Adriano Zanni. Il tratto di spiaggia compreso fra Marina Romea e Porto Corsini, nella provincia di Ravenna è costantemente compromesso dalle correnti. La sabbia viene erosa a nord e trasportata verso sud, dove si deposita allungando in modo non naturale la spiaggia. Nella parte Nord, l’assottigliamento della spiaggia continua incessante negli anni.

press to zoom
Scatto 3
Scatto 3

Porto Corsini, Ravenna 2010. Foto di Adriano Zanni. Il sistema di pompaggio acqua/sabbia invernale studiato per riportare la sabbia erosa dalla corrente nella parte Nord del litorale Marina Romea - Porto Corsini, in provincia di Ravenna. La sabbia viene prelevata dalla parte sud, dove a causa della diga foranea, si deposita in eccesso.

press to zoom
Scatto 4
Scatto 4

Lido Adriano, Ravenna 2018. Foto di Adriano Zanni. Le mareggiate invernali di maggiore intensità erodono la costa, restituendo spazio all’acqua. Riducono costantemente la spiaggia di Lido Adriano; mettono a forte rischio gli stabilimenti balneari, le loro economie, i loro clienti, il loro futuro.

press to zoom
1/1

ALTRE FOTO FINALISTE

Idrovora: creatrice di territorio
Idrovora: creatrice di territorio

Porto Tolle (RO) 2018_ Foto di Luca Zonari. La formazione del territorio del Delta del Po, è dovuta al progressivo deposito di sedimenti che, in solo poco più di 400 anni, ha determinato l'avanzamento progressivo della linea di costa. Si tratta quindi di terreni geologicamente nuovi. Le molte idrovore hanno contribuito alla formazione del Delta, permettendo la bonifica delle nuove terre, portandole ad essere vivibili.

press to zoom
Magazzini perduti
Magazzini perduti

Santa Giulia di Porto Tolle (RO) 2018_ Foto di Luca Zonari. Un ulteriore sforzo di bonifica e mantenimento, queste idrovore hanno dovuto farlo negli anni ’60, quando con la non controllata estrazione del metano in questa zona, il territorio ha cominciato ad abbassarsi e, in alcuni tratti estremi, a ritornare invaso dal mare. A testimonianza di questo, si trovano alcune costruzioni come per esempio magazzini del riso, una volta al centro di ampie risaie, ora interamente immersi nella sacca.

press to zoom
Tentativi di protezione
Tentativi di protezione

Santa Giulia di Porto Tolle (RO) 2018_ Foto di Luca Zonari.Il fiume Po, con il suo fluire, ha permesso la nascita di queste nuove terre. Coadiuvato dal mare con le sue correnti e mareggiate, anno dopo anno, torna a modificare, creare o distruggere il territorio che lo accoglie. Numerosi e pressoché temporanei i tentativi di proteggere le rive e le linee di costa, usando palizzate, scogliere e ripascimenti. Chi vive e naviga nel Delta, deve continuamente imparare i passaggi, zone più a rischio.

press to zoom
Golena riappropriata
Golena riappropriata

Delta del Po, Area golenale – Corbola (RO). Foto di Luca Zonari L’uomo convive con questi atti d’impeto del fiume e del mare, cercando di modificare il territorio a favore della propria vita, ma consapevole della forza della natura che non può essere fermata e che periodicamente torna a prendere quello che aveva lasciato.

press to zoom
1/1

Foto di Luca Zonari

Il muro
Il muro

San Giorgio di Gioiosa Marea, Messina, 2017. Foto di Filippo Puglia. La forza delle onde, affascinante e terrificante allo stesso tempo, sovrasta e distrugge le opere costruite dall'uomo. L'uomo costruisce le sue opere incurante della natura, guardando solo i propri interessi, e la natura spesso si ribella e distrugge quanto da lui costruito.

press to zoom
Il campo sportivo
Il campo sportivo

San Giorgio di Gioiosa Marea, Messina, 2019. Foto di Filippo Puglia. Ormai non c'è più nulla. Il mare ha portato a termine la sua opera portando via con se anche gli spogliatoi con tutta la recinzione e gran parte del terreno di gioco. Il campo sportivo era uno dei simboli del piccolo borgo marinaro di San Giorgio. Il terreno di gioco nel quale tutti noi, bambini e ragazzi di un tempo, ci siamo fatti le ossa giocando e crescendo insieme.

press to zoom
L’inizio della devastazione
L’inizio della devastazione

San Giorgio di Gioiosa Marea, Messina, 2013. Foto di Filippo Puglia. Ormai non c'è più niente da fare, il danno è stato fatto e l'uomo è rimasto impotente. Il mare e le sue onde stanno compiendo il loro lavoro. Gli spogliatoi ancora resistono e si vedono gli blocchi di cemento, che l'uomo aveva disposto, nel tentativo di difendere la costa. Sullo sfondo le isole Eolie sembrano così vicine che quasi potresti toccarle con mano.

press to zoom
L’onda devastante
L’onda devastante

San Giorgio di Gioiosa Marea, Messina, 2013. Foto di Filippo Puglia. L'onda devastante sovrasta la spiaggia e penetra incontrastata fino a minacciare il muro. Quel muro costruito agli inizi degli anni '80 dello scorso secolo. Costruito dall'uomo per difendere il borgo dalle frequenti mareggiate. L'onda non si è mai fermata e continua a minacciare le opere dell'uomo. Il muro, ormai diroccato è caduto e il mare minaccia le abitazioni dell'uomo.

press to zoom
1/1

Foto di Filippo Puglia

Resti
Resti

Zona Falcata, Messina 2007. Foto di Giuseppe Scavello. La foto scattata nel 2007 segnala i resti della Real Cittadella, una fortezza con affaccio sullo stretto di Messina - fra le più importanti del Mediterraneo e risalente alla fine del 1600 - sorta a difesa e controllo dello stretto. Sono visibili anche i resti di una nave che decide di concludere la sua vita proprio sotto il muraglione della fortezza.

press to zoom
Resilienza
Resilienza

Zona Falcata, MESSINA 2020. Foto di Giuseppe Scavello. La seconda foto documenta la RESILIENZA del vecchio muraglione della Cittadella che resiste all’azione erosiva del mare, mentre emerge ben poco oramai dei resti della nave arenata.

press to zoom
Sospesi
Sospesi

Tremestieri MESSINA 2020. Foto di Giuseppe Scavello. SOSPESI è il titolo della fotografia che documenta gli interventi mirati al potenziamento del nuovo porto, un opera strategica per la città, sempre al centro di accese discussione, sia sul piano operativo, che sulla validità della infrastruttura stessa.

press to zoom
Sospesi
Sospesi

Tremestieri, Messina 2020. Foto di Giuseppe Scavello. “Sospesi” è un’immagine di “work in progress“ che documenta gli interventi mirati all’ampliamento del nuovo porto commerciale di Tremestieri, un’opera strategica per tutta la città, da sempre al centro di accese discussioni, sia sul piano operativo, che sulla validità della infrastruttura stessa.

press to zoom
1/1

Foto di Giuseppe Scavello

Abuso Marino
Abuso Marino

Le Dune, San Leone, Agrigento 2020. Foto di Roberta Maria Verdone. Questa foto a colori vuol rappresentare l’erosione marina, tema base del concorso. In primo piano una scala, probabilmente costruita anni prima, quando la spiaggia era ben più ampia. Sullo sfondo, il mare e uno dei frangiflutti costruiti dall’uomo per proteggere le spiagge dall’erosione provocata dal moto ondoso. Poi si vede una struttura costruita sulla spiaggia e poi abbandonata a causa dell’erosione che l’ha distrutta.

press to zoom
Stazione Centrale “Erosione”
Stazione Centrale “Erosione”

Le Dune, San Leone, Agrigento 2020. Foto di Roberta Maria Verdone. Questa foto rappresenta l’erosione marina, tema base del concorso. In primo piano troviamo una struttura in legno, che probabilmente, anni prima, funzionava come passerella che portava a una struttura balneare. Sullo sfondo il mare con il sole che sta per tramontare, una struttura ormai distrutta e abbandonata. La passerella assomiglia a un binario diretto verso la distruzione.

press to zoom
Intersezione
Intersezione

Le Dune, San Leone, Agrigento 2020. Foto di Roberta Maria Verdone. Protagonista assoluta di questo scatto è una struttura in legno, di cui sono solamente rimaste delle travi in legno ormai senza ormai alcuno scopo. Ci sono anche dei fili elettrici collegati al nulla. Probabilmente negli anni precedenti la struttura era un bar o qualcosa del genere, dove le persone si godevano il mare e bevevano. Adesso, invece, l’allegria che la caratterizzava è sparita. Appartiene più alla natura che all’uomo.

press to zoom
Opposizione
Opposizione

Le Dune, San Leone, Agrigento 2020. Foto di Roberta Maria Verdone. Protagonista è il frangiflutti, una struttura creata dall’uomo per proteggere le spiagge dall’erosione marina. Queste strutture, come si può notare dalla foto, sono formate da grossi massi accatastati l’uno sull’altro in modo da formare una barriera. L’uomo cerca di evitare l’erosione marina attraverso queste strutture, ma la natura non è così facile da fermare.

press to zoom
1/1

Foto di Roberta Maria Verdone

Funtana Meiga
Funtana Meiga

Cabras, Oristano 2020. Foto di Flavio Testa. Sono ormai tanti anni che il litorale viene eroso dalla forza del mare, in lontananza si scorge la torre che delimita l’oasi faunistica di Torre Seu, anch’essa purtroppo ridotta come spiaggia.

press to zoom
Funtana Meiga
Funtana Meiga

Cabras, Oristano 2020. Foto di Flavio Testa. La strada, fino a circa 10 anni fa, era percorribile in auto e permetteva di raggiungere la spiaggia di Turre Seu.

press to zoom
Funtana Meiga
Funtana Meiga

Cabras, Oristano 2020. Foto di Flavio Testa. Come si può osservare una strada lambiva un’abitazione ed era percorribile anche dalle auto. In circa 10 anni il mare ha eroso la costa e ora non è più percorribile.

press to zoom
Funtana Meiga
Funtana Meiga

Cabras, Oristano 2020. Foto di Flavio Testa. Come si può osservare una strada lambiva un’abitazione ed era percorribile anche dalle auto. In circa 10 anni il mare ha eroso la costa e ora non è più percorribile.

press to zoom
1/1

Foto di Flavio Testa

Protezione
Protezione

Cinque Terre, Liguria 2020. Foto di Valeria Sinesi. Nel multicolorato paesino delle Cinque Terre, una barriera di sassi costruita dall’uomo protegge le case e i suoi abitanti dall’avanzare dirompente dell’innalzamento del livello del mare.

press to zoom
Affaccio sul mare
Affaccio sul mare

Cinque Terre, Liguria 2020. Foto di Valeria Sinesi. Infrastrutture produttive rigide, inserite senza particolari accorgimenti in un ambiente costiero dinamico, spesso ne modificano l’assetto.

press to zoom
Spiaggia scomparsa
Spiaggia scomparsa

Cinque Terre, Liguria 2020. Foto di Valeria Sinesi. L’avanzare del mare rende i luoghi poco accessibili, ma ugualmente affollati, alla ricerca dell’ultimo raggio di sole.

press to zoom
Correre ai ripari
Correre ai ripari

Cinque Terre, Liguria 2020. Foto di Valeria Sinesi. In previsione di forti mareggiate, l’uomo interviene per salvaguardare la costa.

press to zoom
1/1

Foto di Valeria Sinesi

Combattere l’erosione
Combattere l’erosione

Monumento Naturale Palude di Torre Flavia, Cerveteri (RM) 2020. Foto di Simone Salvatore. La costa come campo di battaglia. Da una parte, attaccata dagli insediamenti dell’uomo; dall’altra, minacciata dal moto ondoso. I frangiflutti danno l’impressione di addomesticare la forza delle onde. Ma si può davvero controllare il mare?

press to zoom
Giocare con l’erosione
Giocare con l’erosione

Monumento Naturale Palude di Torre Flavia, Cerveteri (RM) 2020. Foto di Simone Salvatore. Il tempo erode gli sforzi dell’uomo, con la stessa veemenza con cui il mare erode la roccia, la spiaggia, le coste, il paesaggio. Di fronte all’ineluttabilità di questi processi, non è meglio godersi l’attimo e tornare bambini?

press to zoom
Relitti dell’erosione
Relitti dell’erosione

Monumento Naturale Palude di Torre Flavia, Cerveteri (RM) 2020. Foto di Simone Salvatore. Un rudere architettonico sullo sfondo, un relitto naturale in primo piano. Due simboli per due diversi tipi di erosioni.

press to zoom
Il moto dell’erosione
Il moto dell’erosione

Monumento Naturale Palude di Torre Flavia, Cerveteri (RM) 2020. Foto di Simone Salvatore. L’erosione come inesorabile movimento che consuma.

press to zoom
1/1

Foto di Simone Salvatore

Ricordo di Pietraliscia
Ricordo di Pietraliscia

Pietraliscia, frazione di Lipari, Messina 2020. Foto di Simonetta Rossetti. Si tratta di un vecchio stabilimento abbandonato per la lavorazione della pietra pomice, a Pietraliscia, una frazione di Lipari. Ormai il mare che spazza le Eolie, ha eroso sia l’edificio che la spiaggia antistante, per cui il luogo è pressoché inaccessibile.

press to zoom
Unesco
Unesco

Porticello, frazione di Lipari, Messina 2020. Foto di Simonetta Rossetti. Percorsa tutta la strada fino a Porticello, si raggiunge a piedi un edificio abbandonato a picco sul mare, superstite di un complesso per la lavorazione della pietra pomice. Fin anche il cartello di pericolo e divieto di accesso, sommato a quello col patrocinio dell’Unesco, sono rovinati a terra, vittime del vento, del mare, dell’incuria dell’uomo.

press to zoom
La spiaggia che non c’è
La spiaggia che non c’è

Porticello, frazione di Lipari, Messina 2020. Foto di Simonetta Rossetti. Nella frazione di Porticello era insediato uno stabilimento per l’estrazione e lavorazione della pietra pomice, utilizzato quale set per girare alcune scene del film Kaos dei fratelli Taviani nel 1984. Chi ha memoria di quel film o dell’esperienza lì vissuta, guardando i ragazzini sul fondo di questo scatto, non può che rimpiangere la bellezza di quel luogo ormai cancellato dall’abbandono e dall’erosione.

press to zoom
Memorie di Kaos
Memorie di Kaos

Porticello, frazione di Lipari, Messina 2020. Foto di Simonetta Rossetti. Nella frazione di Porticello, una volta raggiunto l’ultimo punto accessibile ci si trova nell’antro che ospitava la collina creatasi dalla polvere della lavorazione della pietra pomice, ahimè quel sito non esiste più, l’uomo, il vento e il mare hanno contribuito alla sua erosione, alla sua cancellazione e lì dove c’era una massa infinita ora c’è un vuoto.

press to zoom
1/1

Foto di Simonetta Rossetti

Isole Tremiti
Isole Tremiti

San Nicola, Tremiti, Foggia. Foto di Luana Rigolli 2020. Vista dell'isola di San Nicola, dalla vicina San Domino. Il centro storico di San Nicola si sviluppa su un altopiano che scende verso il mare con scarpate e precipizi modellate dall'erosione dell'acqua e del vento. Sono visibili le numerose strutture di consolidamento e difesa che si sono susseguiti nei secoli.

press to zoom
Isole Tremiti
Isole Tremiti

San Nicola, Tremiti, Foggia. Foto di Luana Rigolli 2020. Il centro storico di San Nicola si sviluppa su un altopiano che scende verso il mare con scarpate e precipizi modellate dall'erosione dell'acqua e del vento. Sono visibili le numerose strutture di consolidamento e difesa che si sono susseguiti nei secoli, e in parte già distrutte dall'erosione successiva.

press to zoom
Isole Tremiti
Isole Tremiti

San Nicola, Tremiti, Foggia. Foto di Luana Rigolli 2020. Il centro storico di San Nicola si sviluppa su un altopiano che scende verso il mare con scarpate e precipizi modellate dall'erosione dell'acqua e del vento. Sono visibili le numerose strutture di consolidamento e difesa che si sono susseguiti nei secoli e in parte già distrutte dall'erosione successiva.

press to zoom
Isole Tremiti
Isole Tremiti

San Nicola, Tremiti, Foggia. Foto di Luana Rigolli 2020. L'isola di Cretaccio vista da San Nicola. L'isola di Cretaccio   un'isola di piccole dimensioni, ed   molto esposta all'erosione del vento e del mare, motivo per cui   destinata a sparire.

press to zoom
1/1

Foto di Luana Rigolli

Scirocco
Scirocco

Ischia, Napoli 2020. Foto di Enzo Rando. Isola d'Ischia, Ischia Ponte, Castello Aragonese, vento di scirocco.

press to zoom
Scirocco
Scirocco

Ischia, Napoli 2020. Foto di Enzo Rando. Isola d'Ischia, Ischia Ponte, Castello Aragonese, vento di scirocco.

press to zoom
Scirocco
Scirocco

Ischia, Napoli 2020. Foto di Enzo Rando. Isola d'Ischia, Ischia Ponte, Castello Aragonese, vento di scirocco.

press to zoom
Scirocco
Scirocco

Ischia, Napoli 2020. Foto di Enzo Rando. Isola d'Ischia, Ischia Ponte, Castello Aragonese, vento di scirocco.

press to zoom
1/1

Foto di Enzo Rando

Diga a protezione dell'antico Porto Neroniano
Diga a protezione dell'antico Porto Neroniano

Anzio, Roma, 2020. Foto di Massimo Del Principe. La foto vuole mettere in evidenza la diga a protezione dell’antico porto neroniano che si è iniziata a costruire per cercare di contrastare il problema dell’erosione costiera che sta minacciando anche gli antichi resti del porto neroniano. Attualmente l’opera non è stata ancora terminata, e riguardo la sua realizzazione ci sono state molte polemiche.

press to zoom
L'antico Porto Neroniano e la diga incompiuta
L'antico Porto Neroniano e la diga incompiuta

Anzio, Roma, 2020. Foto di Massimo Del Principe. L’intento di questa seconda foto è quella di fornire una panoramica dell’attuale diga a protezione dell’antico porto neroniano, voluto dall’imperatore Nerone, natio di Anzio.

press to zoom
A passo lento sulla spiaggia Grotte di Nerone
A passo lento sulla spiaggia Grotte di Nerone

Spiaggia Grotte di Nerone. Anzio, Roma, 2020. Foto di Massimo Del Principe. Mare, storia, archeologia, ma anche erosione costiera. Con questa foto l’obiettivo è di immortalare in uno scatto non solo la bellezza di questo luogo, ma anche la sua fragilità e le minacce legate in prima battuta al problema dell’erosione costiera. Oggi infatti la falesia si sta lentamente sgretolando.

press to zoom

Spiaggia delle grotte di Nerone. Anzio, Roma, 2020. Mare, storia, archeologia, ma anche erosione costiera. In questo scatto l’attenzione è rivolta alla falesia e alle reti di contenimento che sono state installate.

press to zoom
1/1

Foto di Massimo Del Principe

Geometrie erosive
Geometrie erosive

Torre Sant’Emiliano, Otranto, Lecce 2020. Foto di Claudia De Blasi. La “marmitta dei giganti” di Torre Sant’Emiliano presenta una rara peculiarità nel paesaggio costiero: è caratterizzata dalla presenza di un masso sferico di circa un metro di diametro rimasto incastonato al suo interno ed è un esempio di come l’azione delle onde marine in tempi lunghissimi modelli e modifichi l’ambiente, generando scenografie di particolare pregio.

press to zoom
Tempesta
Tempesta

Frassanito, Alimini, Otranto (LE) 2020. Foto di Claudia De Blasi. Qui l’arretramento della costa, che ormai lambisce il limite dunale, presenta una serie di situazioni in continuo mutamento. Ed ecco come una “berma di tempesta”, con l’aggrovigliarsi della vegetazione e con le stratificazioni di sedimenti vari ai piedi della duna instabile, rappresenti una scenografia naturale unica.

press to zoom
Relitti di natura
Relitti di natura

Frassanito, Alimini, Otranto (LE) 2020. Foto di Claudia De Blasi. L’azione dell’acqua sulla spiaggia di Frassanito ha portato via il sedimento sabbioso facendo affiorare gli strati più antichi, quello della calcarenite di base e quello del paleosuolo. Lo sfruttamento della costa da parte dell’uomo contribuisce a modificare il paesaggio: le strutture del lido, sullo sfondo, in parte sommerse, resistono appena all’azione del mare che continua, inesorabile, la sua azione di modificazione.

press to zoom
Un uomo stolto
Un uomo stolto

Spiaggiabella, Marine di Lecce, 2020. Foto di Claudia De Blasi. La linea di demanio diventa variabile e si sposta, arretrando. Il mare si riprende i suoi spazi e porta via i muri di recinzione e l’asfalto delle strade restituendo il suo contenuto davanti ai portoni delle abitazioni. L’intervento dell’uomo, che in questo caso ha modificato l’assetto del territorio edificando dove non avrebbe dovuto, rende il paesaggio delle nostre coste ancor più vulnerabile al verificarsi degli eventi naturali.

press to zoom
1/1

Foto di Claudia De Blasi

Calma apparente
Calma apparente

Torre Flavia, Ladispoli, Roma 2019. Foto di Emiliano Cerluini. La foto ritrae Torre Flavia vista dal Monumento naturale Palude di Torre Flavia. La torre medievale, costruita su rovine romane, fu danneggiata durante la seconda guerra mondiale ma rimase in piedi. Negli ultimi anni ha subito una forte erosione dovuta all'alta marea, nonostante il posizionamento di una fila di frangiflutti. Tutta la spiaggia davanti l’oasi naturale è soggetta a forte erosione della costa.

press to zoom
Alba
Alba

Torre Flavia, Ladispoli, Roma 2019. Foto di Emiliano Cerluini. La foto ritrae Torre Flavia protetta dai frangiflutti. La torre medievale, costruita su rovine romane, fu danneggiata durante la seconda guerra mondiale ma rimase in piedi. Negli ultimi anni ha subito una forte erosione dovuta all'alta marea, nonostante il posizionamento di una fila di frangiflutti, visibili in foto, posizionata negli anni settanta. Le 4 pareti originali si sono rotte in 8 tronconi che si stanno separando.

press to zoom
Ladispoli
Ladispoli

Torre Flavia, Ladispoli, Roma 2019. Foto di Emiliano Cerluini. Il mare sta erodendo la costa tra Ladispoli, Torre Flavia e Marina di Cerveteri. I frangiflutti posti a difesa di Torre Flavia sono ormai da cinquant’anni un elemento del paesaggio, ritrovo dei pescatori tutte le notti.

press to zoom
Il pescarore
Il pescarore

Torre Flavia, Ladispoli, Roma 2019. Foto di Emiliano Cerluini. Il mare sta erodendo la costa tra Ladispoli, Torre Flavia e Marina di Cerveteri. I frangiflutti posti a difesa di Torre Flavia sono ormai da cinquant’anni un elemento del paesaggio, ritrovo dei pescatori tutte le notti.

press to zoom
1/1

Foto di Emiliano Cerluini

Linea di confine
Linea di confine

Area Protetta Parco Marino del Cerrano, Comune di Pineto TERAMO 2020. Foto di Guido Castelli. Le onde che si infrangono sulla spiaggia e la ripresa dall’alto fanno emergere la linea che separa il tratto di costa tra la spiaggia e il mare accarezzando un tronco alla deriva.

press to zoom
Torre a salvaguardia della costa
Torre a salvaguardia della costa

Area Protetta Parco Marino del Cerrano, Comune di Pineto TERAMO 2020. Foto di Guido Castelli. La Torre di Cerrano sulla sinistra della foto, con la sua imponenza che sovrasta la costa, come simbolo di contrasto per la salvaguardia degli ecosistemi costieri.

press to zoom
Testa di drago
Testa di drago

Area Protetta Parco Marino del Cerrano, Comune di Pineto TERAMO 2020. Foto di Guido Castelli. Un tronco di legno portato a riva dalla mareggiata, se la si guarda attentamente assume le sembianze di una testa di drago, ormai esamine e solo. Un tempo possente come era con le sue vampate di fuoco, ora spente dall’acqua. Questa foto, volutamente trattata in bianco e nero, a mio modesto parere esprime tutta la tristezza e la desolazione di un paesaggio eroso, conseguenza forse della crisi climatica.

press to zoom
La speranza
La speranza

Area Protetta Parco Marino del Cerrano, Comune di Pineto TERAMO 2020. Foto di Guido Castelli. La quiete dopo la tempesta, il tronco si lecca le sue ferite, un timido raggio di sole fanno sperare per un futuro migliore e far si che nonostante la pandemia di covid-19, ci possa far tornare a passeggiare sulle spiagge con la volontà  di salvaguardare il nostro paesaggio costiero.

press to zoom
1/1

Foto di Guido Castelli

Spiaggia morta
Spiaggia morta

Spiaggia di Bosco Isola, Duna di Lesina, Foggia 2020. Foto di Carlo Macrini. Una tartaruga senza vita e la natura che vive attraverso una piccola pianta.

press to zoom
Le nuove spiagge
Le nuove spiagge

Spiaggia di Bosco Isola, Duna di Lesina, Foggia 2020. Foto di Carlo Macrini. Memorie di inciviltà che vengono trasportate dal mare e si legano alla sabbia.

press to zoom
Di tutto un poco
Di tutto un poco

Spiaggia di Bosco Isola, Duna di Lesina, Foggia 2020. Foto di Carlo Macrini. Forme, colori e materiali che raccontano storie approdate come naufraghi in attesa di un venerdì (giorno di raccolta differenziata e non l’indigeno di Crosue).

press to zoom
Memorie
Memorie

Spiaggia di Bosco Isola, Duna di Lesina, Foggia 2020. Foto di Carlo Macrini. Avere di fronte improbabili ruderi di un’antica città e sentirsi immersi nella realtà di un abbandono. In lontananza, il potere della rabbia del cielo, come un rimprovero al mondo, ci ricorda il minuscolo valore dell’uomo di fronte al tempo che scorre e la sua lucida tossicità.

press to zoom
1/1

Foto di Carlo Macrini

Brick
Brick

Centrale Federico II, Cerano, Brindisi 2020. Foto di Danilo Rosario Pastore. Il mattone che costituisce l'elemento primario e finale della tettonica umana come cellula fondamentale dell'agire costruttivo.

press to zoom
Sovrapposizioni
Sovrapposizioni

Centrale Federico II, Cerano, Brindisi 2020. Foto di Danilo Rosario Pastore. Rocce in movimento, un movimento ascensionale in contrappunto al paesaggio umano sullo sfondo, solo apparentemente statico.

press to zoom
Precipizi
Precipizi

Otranto, Lecce 2020. Foto di Danilo Rosario Pastore. L'erosione del mare sul paesaggio naturale fa sanguinare la pelle su cui resistono le piante delle coste.

press to zoom
Asfalto
Asfalto

Centrale Federico II, Cerano, Brindisi 2020. Foto di Danilo Rosario Pastore. L'asfalto come sottile congiunzione tra due livelli dell'agire; quello umano, al di sopra, e quello della forza della natura al di sotto.

press to zoom
1/1

Foto di Danilo Rosario Pastore

Pista da ballo
Pista da ballo

Località le Gorette, Cecina, Livorno 2020. Foto di Raffaele Ferrari. Questa mia serie di fotografie è stata scattata nel comune di Cecina ed ho cercato di mostrare e rivelare gli effetti dell’erosione su strutture che si affacciano al mare nonostante i lavori eseguiti anche recentemente per proteggere le coste. Quest'area di costa è una delle più colpite dal fenomeno dell’erosione. In questa immagine vi è ciò che rimane della pista da ballo dell’ex campeggio dei francesi in località le Gorette.

press to zoom
Pavimento
Pavimento

Località le Gorette, Cecina, Livorno 2020. Foto di Raffaele Ferrari. Il pavimento distrutto di una strutture sempre del campeggio, toccato dalle acque del mare.

press to zoom
Scalini vista Porto di Cecina
Scalini vista Porto di Cecina

Cecina, Livorno 2020. Foto di Raffaele Ferrari. Scalini di una struttura decadente e distrutta. Sullo sfondo, il porticciolo di Cecina, recentemente costruito.

press to zoom
Pennello protettivo
Pennello protettivo

Cecina, Livorno 2020. Foto di Raffaele Ferrari. Il pennello protettivo e delle strutture di cemento di cui rimane solo una piccola porzione di cemento. Per accedere a questa parte di costa è stata collocata una tavola di legno in quanto spesso le acque circondano l’area.

press to zoom
1/1

Foto di Raffaele Ferrari

Pagoda
Pagoda

Torre Annunziata, Napoli 2020. Foto di Michele Pedone. Torre piccionaia a forma di pagoda di antica villa nobiliare, in corso di restauro, come si vede l’azione del mare ha causato il crollo di parte del muraglione realizzato al di sopra della base rocciosa esposta all’erosione

press to zoom
TorrScassata (o torre Saracena)
TorrScassata (o torre Saracena)

Torre del Greco, Napoli 2020. Foto di Michele Pedone. Le torri costiere del Regno di Napoli costituivano il sistema difensivo, di avvistamento e di comunicazione lungo la fascia costiera del regno di Napoli. Furono costruite per arginare le frequenti incursioni saracene e corsare. Oggi o sono lasciate in balia degli elementi o vengono recuperate e restaurate da privati a scopo ricettivo turistico.

press to zoom
Spiaggia di Capo Miseno
Spiaggia di Capo Miseno

Bacoli, Napoli 2020. Foto di Michele Pedone. Come si vede dalla foto, sul lungomare è stata realizzata una serie di scogliere a forma di palma, per salvaguardare la spiaggia dalle mareggiate.

press to zoom
Il Golfo di Napoli
Il Golfo di Napoli

Castellammare di Stabia, Napoli 2020. Foto di Michele Pedone. Il Golfo di Napoli ripreso da Castellammare, un anfiteatro naturale ricco di tesori e di vestigia del passato, inestimabile ma fragile per la sua conformazione, dove i venti e le correnti marine giocano un ruolo determinante nei fenomeni erosivi delle coste, fenomeni purtroppo aggravati dall’antropizzazione massiccia.

press to zoom
1/1

Foto di Michele Pedone

Erosione falesia Tor Caldara
Erosione falesia Tor Caldara

Riserva Naturale Regionale di Tor Caldara. Anzio, Roma 2020. Foto di Renzo Mastracci. La lenta ma continua azione di del mare determina continui crolli sulla falesia argillosa della Riserva Naturale di Tor Caldara, mettendo in pericolo le residue preesistenze della villa romana e della antica Torre di avvistamento, che da il nome alla riserva stessa.

press to zoom
Capo d’Anzio
Capo d’Anzio

Area archeologica della “ Villa Imperiale” detta anche “ Villa di Nerone”, Anzio, Roma 2020. Foto di Renzo Mastracci. Questo è il punto geografico di Capo d’Anzio dal quale ha preso il nome l’antica città. E’ al centro dell’area archeologica della “ Villa imperiale “ luogo dove la storia colloca la nascita degli imperatori romani Nerone e Caligola. Le dinamiche erosive che interessano l’intera costa laziale mettono a rischio la “Storia".

press to zoom
Ripascimento fai da te
Ripascimento fai da te

Arenile in loc. Scacciapensieri, Nettuno, Roma 2020. Foto di Renzo Mastracci. Area densamente urbanizzata. Sono state realizzate opere di difesa per contrastare l’erosione del litorale, ma con l’utilizzo di mezzi meccanici si continua recuperare sabbia sul bagnasciuga. Una sorta di accaparramento di sabbia “ fai da te”.

press to zoom
In mezzo al golfo
In mezzo al golfo

Marina di Nettuno, Roma 2020. Foto di Renzo Mastracci. Vista del porto al tramonto.

press to zoom
1/1

Foto di Renzo Mastracci

Mutazioni dis-organiche
Mutazioni dis-organiche

Marina di Montenero di Bisaccia, Campobasso 2018. Foto di Federico Dessardo. Palo della luce in mezzo al mare, tratto di costa di Montenero di Bisaccia, verso Petacciato Marina. La zona ha subito molti cambiamenti, ad oggi i pali della luce che stavano vicino alla costa sono stati smantellati.

press to zoom
Erosioni costiere
Erosioni costiere

Rocca San Giovanni, contrada Vallevò, Chieti 2018. Foto di Federico Dessardo. Tratto di costa dei Trabocchi, nella foto un tratto di muro di sostegno del vecchio tratto ferroviario ora adibito a pista ciclabile, ma interrotto nella zona del crollo tra Le Morge e Torino di Sangro Marina.

press to zoom
Incoscienza
Incoscienza

Rocca San Giovanni, contrada Vallevò, Chieti 2018. Foto di Federico Dessardo. Casa sul mare. Tratto del vecchio passaggio ferroviario crollato in mare

press to zoom
Speculazioni
Speculazioni

Vasto marina, spiaggia Vignola, Chieti 2019. Foto di Federico Dessardo. Case sul mare, l'incoscienza nel costruire case affacciate sul mare.

press to zoom
1/1

Foto di Federico Dessardo

Tramonto sul porto
Tramonto sul porto

Porto di Licata, Agrigento 2020. Foto di Giuseppe Buscemi. Tutto parte dal Porto di Licata (AG), ovvero come la costruzione di un braccio possa cambiare il ritmo di sedimentazione di un litorale e modificare la linea di costa per parecchi km, influenzando lo stato di salute delle spiagge e le attività antropiche collegate. La nostra storia di erosione parte da qui, da un bellissimo e rinomato porto turistico di rilevanza internazionale.

press to zoom
Il castello minacciato
Il castello minacciato

Falconara, frazione marina di Butera, Caltanisetta 2020. Foto di Giuseppe Buscemi. In questa tappa del nostro viaggio siamo a Falconara, frazione di Butera (CL), zona ad altissima vocazione turistica, dove insiste anche un castello privato ben conservato. Qui è visibile l’incalzare dell’erosione che minaccia il castello stesso nonché la presenza di una struttura, forse un preesistente stabilimento balneare, parzialmente o del tutto abusivo, di cui rimangono soltanto i resti.

press to zoom
Manciata di sassi
Manciata di sassi

Contrada Desusino, Marina di Butera, Caltanisetta 2020. Foto di Giusppe Buscemi. Zona balneare dove gli effetti dell’erosione nel tempo sono stati ancora più disastrosi, con la scomparsa in alcuni tratti dell’intero litorale sabbioso e anche di parte del piazzale antistante la costa.

press to zoom
La torre costiera
La torre costiera

Manfria, frazione di Gela, Caltanisetta 2020. Foto di Giuseppe Buscemi. La costa, in quest’area, è strutturalmente complessa, ma laddove si trovava una delle più vaste spiagge del Sud della Sicilia, ora rimane ben poco: in alcuni tratti l’azione del mare ha contribuito ad erodere la spiaggia, asportando i sedimenti sabbiosi, oltre che aggredire direttamente la falesia, e qui il mare ha creato delle grotte costiere.

press to zoom
1/1

Foto di Giuseppe Buscemi

Accumulo
Accumulo

Otranto, Lecce 2020. Foto di Francesco Marsano. Il processo erosivo che ha provocato, nel tempo, un accumulo di detriti rocciosi (e non solo) che si sono riversati sul litorale.

press to zoom
Linite
Linite

Gallipoli, Lecce 2020. Foto di Francesco Marsano. Il limite molto sottile e fragile di un tratto di costa Gallipolina. Si può vedere la scarsa efficienza dei sistemi di difesa adottati, che risultano fortemente inadeguati a proteggere il sistema urbano dalle forti mareggiate.

press to zoom
Barriere
Barriere

Gallipoli, Lecce 2020. Foto di Francesco Marsano. Successione dei sistemi di prevenzione.

press to zoom
Invasione
Invasione

Gallipoli, Lecce 2020. Foto di Francesco Marsano. La foto illustra la perseveranza della forza del mare a riprendere i suoi spazi ormai deturpati da opere antropiche.

press to zoom
1/1

Foto di Francesco Marsano

Rifugio dalla marea
Rifugio dalla marea

Molo Nord del Porto di Pescara 2020. Foto di Valerio D'Albenzio. I trabocchi sono macchine a palafitta utilizzate anticamente per la pesca. Grazie alle loro lunghe zampe riescono a sottrarsi alla furia delle mareggiate che divorano la sabbia e a sorvegliare dall’alto la mutevole costa.

press to zoom
Il riflesso del declino
Il riflesso del declino

Molo Nord del Porto di Pescara 2020. Foto di Valerio D'Albenzio. Un altro giorno volge al termine e nessuno si accorge di quanto sia fragile l’equilibrio della vita.

press to zoom
Cosa resterà?
Cosa resterà?

Molo Nord del Porto di Pescara 2020. Foto di Valerio D'Albenzio. Abbiamo lasciato le nostre tracce sulla sabbia ma presto l’acqua le ricoprirà e tutto sprofonderà nell’oblio.

press to zoom
Frammentazione
Frammentazione

Molo Nord del Porto di Pescara 2020. Foto di Valerio D'Albenzio. Un riflesso tra le scanalature della sabbia rispecchia la dissolvenza dei tratti costieri.

press to zoom
1/1

Foto di Valerio D'Albenzio

Con...dotta veduta (?!)
Con...dotta veduta (?!)

Castiglioncello, Rosignano Marittimo, Livorno 2020. Foto di Sauro Marianelli. La dimensione… ottusa, della visione ambientale.

press to zoom
Pessima condotta
Pessima condotta

Castiglioncello, Rosignano Marittimo, Livorno 2020. Foto di Sauro Marianelli. Esemplare di pessima integrazione ambientale sul litorale tirrenico.

press to zoom
L'ombra... "gettata"
L'ombra... "gettata"

Castiglioncello, Rosignano Marittimo, Livorno 2020. Foto di Sauro Marianelli. Un tubo, una gettata di cemento sugli scogli per un’ombra grigia sull’ambiente.

press to zoom
La "resa"
La "resa"

Castiglioncello, Rosignano Marittimo, Livorno 2020. Foto di Sauro Marianelli. Cementificazione, quale quinta di “Villa Godilonda”.

press to zoom
1/1

Foto di Sauro Marianelli

Azione Fisica Disgregatrice
Azione Fisica Disgregatrice

Scala dei Turchi_Realmonte, Agrigento 2017. Foto di Roberto Oriti. L’insieme delle azioni naturali unite all'attività indiscriminata dell'uomo portano alla disgregazione ed alla demolizione del suolo.

press to zoom
La Casa Matta
La Casa Matta

Spiaggia del Poetto, Cagliari 2020. Foto di Roberto Oriti. La natura si riprende ciò che le appartiene.

press to zoom
Il Guardiano del Mare
Il Guardiano del Mare

Castello Normanno di Acicastello, Catania 2020. Foto di Roberto Oriti. Il territorio modificato dall'uomo che tenta di resistere all'imminente conquista del mare.

press to zoom
La Conquista
La Conquista

Territorio di Acicastello, Catania 2017. Foto di Roberto Oriti. Alla fine nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma.

press to zoom
1/1

Foto di Roberto Oriti

Ai piedi delle Apuane
Ai piedi delle Apuane

Marinella di Sarzana, La Spezia 2020. Foto di Simona Paladini. In continuità con la Riviera Apuana e prima della Foce del fiume Magra, la spiaggia di Marinella ormai da anni si sta arretrando… il mare riprende i suoi spazi modificando la morfologia costiera.

press to zoom
Il marmo bianco di Carrara difende la nostra terra
Il marmo bianco di Carrara difende la nostra terra

Marina di Massa, Massa Carrara 2020. Foto di Simona Paladini. Il marmo bianco di Carrara, estratto dalle montagne vicine, diventa paesaggio marino, una nuova scogliera di pietra che il mare non può oltrepassare.

press to zoom
La spiaggia che non c’è
La spiaggia che non c’è

Marina di Massa, Massa Carrara 2020. Foto di Simona Paladini. Tra partaccia e Marina di Massa, la spiaggia come siamo abituati a vedere, ampia e sabbiosa non esiste più… il mare è quasi arrivato a lambire i pochi stabilimenti balneari rimasti.

press to zoom
La riva di pietra
La riva di pietra

Marina di Massa, Massa Carrara 2020. Foto di Simona Paladini. La spiaggia ormai inesistente è stata sostituita da una profonda riva fatta di piccole pietre, vetrini, sassi e tutto ciò che il mare ha incontrato e levigato.

press to zoom
1/1

Foto di Simona Paladini

EROSIONI è una mostra itinerante. La prima esposizione è stata allestita nell'Ex Convento dei Teatini, a Lecce, all'interno del programma della Conferenza "Coste in Movimento", del 15 e 16 luglio 2021.

Mostra a cura dell'Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani.

Direzione Artistica di Michele Manigrasso

con Lia Fedele, Amedeo Minischetti, Michael Liberato, Martina Lombardi.

Tutte le foto partecipanti al concorso EROSIONI sono soggette al copyright.

E' vietata la diffusione da terzi non autorizzati.

Saranno pubblicate da Legambiente e dall'Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani nelle modalità stabilite dal regolamento interno al bando di concorso.

Si ringraziano tutti i fotografi partecipanti per il lavoro profuso, per la riuscita del contest e delle mostre/pubblicazioni

che ne seguiranno.